Home » boccioli e petali » Si va in scena ai Giardini di Villa Durazzo Pallavicini-Pegli

Si va in scena ai Giardini di Villa Durazzo Pallavicini-Pegli

Si va in scena ai Giardini di Villa Durazzo Pallavicini-Pegli - Camperarcobaleno

Aperto al visitatore con barriere architettoniche presenti- A pagamento

Open- no handicap accessible-Ticket

Info parco, stradali e camper a fondo pagina

 

 

 

La storia di Villa Durazzo Pallavicini inizia alla fine del  1800, anni di  grandi trasformazioni sociali  dettate dal progresso tecnologico,dallo sviluppo economico e i venti impetuosi dell'industrializzazione nascevano in Inghilterra per spingersi verso l'Europa investendo per prime le città che subivano una rapida espansione. 

In contrapposizione ad un effetto di inaridimento sociale e di squallore industriale, rinasce la scoperta verso la natura, verso l’uomo, verso stili architettonici che riproponevano lo stile greco ionico, dorico e corinzio.

Alla  ricerca della meccanizzazione a tutti costi, si contrappone la ricerca di un paradiso perduto, di luoghi e immagini che ripropongono giardini ricolmi di fiori, terre dalle colorazioni tenue e vellutate, case e casali dove la vita scivola senza fretta e senza inganni.

In questa ricerca si fa interprete anche il Palazzo gentilizio di Villa Durazzo Pallavicini, sulle pendici sempre miti ed assolate di un paese che prende il nome di Pegli, oggi ormai inglobata nella Grande Genova, un tempo splendido borgo marinaro e oggi meta di un turismo dalle molteplici sfaccettature.

In un ambiente paesaggistico ricco di ville storiche con i loro relativi parchi  caratterizzate dallo stile liberty , Villa Durazzo trae le sue origini dal palazzo di proprietà di Gio Battista Grimaldi, Doge della Serenissima Repubblica di Genova dal 1752 al 1754, usato quale residenza estiva.

Passa poi di proprietà a Giuseppe Grimaldi e a sua moglie Clelia, grazie alla quale si ha la  realizzazione di  un giardino  arricchito da  piante rare provenienti da varie parti del mondo.

Rimane celebre il nome di Clelia Grimaldi per la sua  grande  biblioteca di opere di botanica  e al suo erbario, che in cento contenitori  raccoglie circa cinquemila  specie di piante, che alla sua morte la marchesa lascia  alla biblioteca civica di Genova mentre l’ erbario è oggi conservato al Museo civico Doria di storia naturale di Genova. 

Alla morte di Clelia la Villa passa per eredità al Marchese Ignazio Alessandro Pallavicini decidendo per questa vasta tenuta alcuni fondamentali cambiamenti.

Uomo  di grande cultura, Ignazio decise di utilizzare la collina a monte del palazzo per la costruzione di un grande giardino che portasse un tipo di turismo culturale non solo al giardino e alla villa ma, con più ampio respiro, al borgo intero di Pegli.

Singolare la realizzazione, nella metà del 1800, di una fermata obbligatoria di tutti i treni passeggeri sul terreno di proprietà della villa stessa  garantendo comunque un facile raggiungimento del borgo marinaro situato più a valle.

La progettazione venne affidata all’architetto  Michele Canzio, (scenografo del teatro Carlo Felice di Genova) il quale trovò un’idea geniale ma allo stesso tempo insolita e stravagante che portò però entusiasmo a questa idea.

Canzio immaginava che i visitatori assistessero a una vera e propria rappresentazione teatrale nel parco stesso con il risultato che il parco diventsse la scenografia di un’immaginaria e assoluta  opera teatrale.

Ideò così un racconto fatto ad immagini, una sceneggiatura romantica che rievocava i romanzi cavallereschi di  Scott e che fosse il filo conduttore del percorso.

Vennero dal nulla costruiti grandi boschi di lecci e di pini, venne data nuova forma ai pendii, creati laghetti e grotte, cascate e ruscelli, spazi aperti dove si poteva godere il sole e la vista spargersi nel mare pegliese.

Una cancellata, posta tra due palazzine color arancione, porta al lungo viale che conduce verso Villa Durazzo, oggi Museo Archeologico Ligure. La lieve ma piacevole salita tra il verde e, poco lontano, recenti palazzi, un tempo era ornata da felci e siepi di rose.

Lo spiazzo antistante la Villa, con il suo splendido panorama sul mare e sul borgo, presenta un selciato in ghiaia bicolore, un tempo originario ingresso al parco.

L’accesso ai giardini odierno è posto mediante scalette e  camminamenti a sbalzo, in una posizione sicuramente meno evidente ed eclatante ma di sicura bellezza. Non ci si può sbagliare, quando ci si trova di fronte ad una targa che invita il visitatore ad abbandonare ‘le cure della città’, inizia in uno spazio infinito in questa splendida passeggiata fatta da atti teatrali.

Il primo atto è ispirato al ritorno alla natura incontrando la Casa rustica dell’eremita  in uno scenario montano, il Belvedere, il viale delle Camelie e il lago Vecchio, con il suo  ponte di legno che porta alla Sorgente.


Quello secondo porta nel tempo medioevale tra il merlato Castello, con la dimora del Signore del parco, ora sepolto nel mausoleo neogotico detto Tomba del Capitano, con la simbologia della morte che cancella ogni gloria e ogni ricchezza.

Ma è la discesa agli inferi nelle grotte, caverne artificiali, che porta al terzo atto, dove la purificazione ci conduce verso le rive del lago Grande e dove si trova  il Paradiso riconquistato, con il tempio di Diana,  la pagoda cinese, il chiosco turco e l’obelisco egizio.

L’ arrivo al tempio di Flora è il paradiso terreno, il giardino segreto della dea dove si entra nel regno della Rimembranza, in uno luogo circondato dall’acqua, quale un’isola, che rappresenta la divisione tra il  mondo dei vivi da quello dei morti,  dove si ritrova una stele per ricordare  Gabriello Chiabrera quale rappresentante della poesia, arte immortale.

Infine, il ponte romano , il Chiosco delle Rose e il Labirinto dove ci si meraviglia per gli splendidi  giochi d’acqua. 

Nel 1928 la Marchesa Matilde Giustiniani, erede di tutto il complesso, dona la villa, il parco e l’orto botanico al comune di Genova, con la clausola che questi fossero destinati ad uso pubblico.

Non possiamo che invitarVi a trascorrere una giornata tra questo scenario naturale e teatrale, riaperto al pubblico da poche settimane, per continuare ad apprezzare e valorizzare un grande bene non solo nostro, quello ligure, ma del mondo.  

 

 

 

GPS: 44° 25' 33.15''N

              8° 49' 00,40''E

 

Indirizzo: Via Pallavicini, 13 Genova Pegli

Uscita Autostradale: Genova-Pegli A10

Area Sosta:centro vendita Pons, Genova Nervi

 

 

 

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 11 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'