Home » castelli e dimore » Rocca Arquata- Ascoli Piceno

Rocca Arquata- Ascoli Piceno

Rocca Arquata- Ascoli Piceno - Camperarcobaleno

Apertura al pubblico:si con barriere architettoniche presenti

 Open- no handicap accessible

 Da visitare: la città.borgo medievale di Castel Trosino, Musei della carta papale

 Info stradali e camper a fondo pagina

 

 

 

 

 

Siamo nel territorio marchigiano, in provincia di Ascoli Piceno, dove il Castello di Rocca  Arquata sorge severo su uno sperone roccioso situato poco più a nord dell'abitato.

Dominatore incontrastato della vallata, sovrasta con le sue torri la Strada Consolare Salaria ed il fiume Tronto, che separa la Catena dei Sibillini dai Monti della Laga

Anticamente questa zona era  ‘di confine’ e quindi la presenza di questo maniero considerata  strategica ed importantissima; la prima costruzione risale già al 1100 anche se l’insieme delle strutture che formano  la Rocca vennero modificata col tempo a seconda degli usi che necessitavano con lavori di ammodernamento e ampliamento che durarono sino a tutto il 1600.

Tipico esempio di architettura dell'appennino umbro marchigiano con merli a coda di rondine, la si può facilmente considerare  una  vera e propria città- fortezza dall'aspetto massiccio ed austero e allo stesso tempo dalle proporzioni eleganti ed equilibrate.


Costruita utilizzando blocchi di pietra arenacea,il primo elemento costruito sul colle è il torrione, di pianta esagonale - scarpato e coronato da caditoie e merli con un’altezza totale di12 metri.

Probabilmente vi era, collegata al torrione, una cinta  muraria , oggi ancora una parte visibile, il cui compito era quello di proteggere il lato scoperto del colle mentre la strada che collegava il paese al torrione rimane ancora oggi sul versante di levante.

Nel 1500 viene costruita la torre nord,  a base quadrata e con bel24 metridi altezza.

Imponente e grandioso, delimita una piazza interna   dove  si ergevano le abitazioni  utilizzate dalla  popolazione nei momenti di attacchi nemici. A raccolta di tutto questo un cammino di ronda sostenuto da archi.

La zona, soprattutto a cavallo tra il XIV e il XV secolo, fu campo di scontri continui tra ascolani e norcini per il possesso del comune e questo rendeva il Castello un luogo protetto per la popolazione che poteva vivere al suo interno anche per lunghi mesi.


L'ultimo torrione costruito, in ordine di data, è quello circolare situato a sud e alto12 metri e di cui oggi si vede solo le mura di fondazione.

Il suo utilizzo era quello di magazzino per l’artiglieria e le sue porte di accesso erano poste accanto al palazzo nobiliare alla piazza e alla chiesa.

 

Il Castello raccoglie intorno a sé un notevole parco ben conservato e mantenuto con la possibilità di passeggiate tra sentieri e viottoli che tra loro si intrecciano e si disperdono. Una visita dunque completa e rilassante per questo piccolo gioiello dalla storia reso famoso e da rivalutare.

 

IL FANTASMA DI GIOVANNA

 Giovanna II d'Angiò,  Regina di Napoli  soggiornò al Castello di Rocca Arquata dal 1420 al 1435 per controllare meglio i suoi territori verso nord. Ma la leggenda vuole che fu il marito a rinchiuderla in questa rocca, stanco dei suoi tradimenti, delle sue  malvagità e assassinii fatti compiere per potere e per capriccio.

 

La leggenda narra che la Regina attirasse i pastori della zona nella sua stanza in cima alla torre più alta con la promessa di una notte d’amore. Ma se questa decideva che la notte di passione non era stata di suo gradimento,  decideva di mandare il malcapitato in pasto ai lupi che di solito soggiornavano ai piedi della Rocca.

 

Si narra che nelle fresche e chiare notti d'estate si possano ascoltare i lamenti del suo fantasma  che vaga sugli spalti del maniero alla ricerca di un giovane ed ignaro amante.

 

GPS: 42° 46' 21,34'' N

 

         13° 17' 47,61'' E

 

 

 

-Da Milano

 

A1 uscita verso Tangenziale ovest, Bologna, Malpensa.
seguire la direzione Ancona, Bari, Ravenna.
dopo Rrimini in direzione San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno.
uscita San Benedetto del Tronto.
Raccordo autostradale RA11 direzione Ascoli Piceno.

 

 

 

-Da Roma

 

A90 direzione uscita 10, Firenze del GRA.
prendere l'uscita in direzione di Fiano Romano.
prendere SS4DIR e l'uscita verso SS4 direzione Rieti.
in prossimità di Rieti, girare a destra e prendere SS675 / SR675.
prendere SS4 direzione Ascoli Piceno

 

 

 

-Sosta: Viale De Gasperi, posteggio dedicato ai camper, a pagamento. 

 

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'

Genova

Genova - Camperarcobaleno

Genova. la mia città Ti accoglie

Areasostaitalia

Areasostaitalia - Camperarcobaleno

Scoprire l'Italia in camper e caravan

Cosa fare a Genova

Cosa fare a Genova - Camperarcobaleno

ll tempo libero a Genova

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie - Camperarcobaleno

Area Sosta Riserva naturale speciale del Parco Burcina-Felice Piacenza

Area Sosta a due passi dall'Adriatico

Area Sosta a due passi dall'Adriatico - Camperarcobaleno

Area Sosta Le Robinie, Igea Marina, Rimini

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda - Camperarcobaleno

Area Sosta Monzambano, Mantova

Area Sosta nella Conca di Oropa

Area Sosta nella Conca di Oropa - Camperarcobaleno

Area Sosta Santuario di Oropa, Biella

Taccuinodiviaggio.it

Taccuinodiviaggio.it - Camperarcobaleno

Siti di Donne nella rete