Home » itinerari letterari » Nievo racconta

Nievo racconta

Nievo racconta - Camperarcobaleno

Piazza Maggiore, seconda parte

   

 


Ritorniamo con la seconda parte dedicata alla grande piazza di Bologna, raccontando ancora le meraviglie architettoniche di questo minuscolo frammento di una città così bella.

Il palazzo del Capitano del Popolo  si presenta con un grande scalone che costeggia il cortile del palazzo di Re Enzo e conduce verso Palazzo del Podestà .

Dalla strada si può notare anche le fattezze di una antica torre, proprietà della famiglia Lambertini.

Palazzo d’Accursio, oggi sede del Comune di Bologna, risalente al 1290 e rifatta dopo un devastante incendio del 1425, mantiene in sè  la torre dell’orologio,  un tempo abitazione del  giurista Accursio, vissuto in questa casa nel XIII secolo.

Si narra che questi vendette il Palazzo al Comune che a sua volta lo destinò a  granaio cittadino e per questo comunemente chiamato "Palazzo della Biada".

Sull’antica torre venne posto un grande orologio meccanico abbellito con statue semoventi  sostituite poi nel 1700 con l’attuale orologio.

Ricordiamo inoltre la presenza sulla facciata della  "Madonna con il Bambino" opera di Nicolò dell’Arca.

La storia popolare ci narra che qui, sotto il portico, vi era una grande balconata da cui le autorità cittadine, per la  festa del 24 agosto, lanciavano al popolo affamato pezzi di porchetta.

Palazzo del Legato, costruito alla fine del ‘500 e destinato a divenire appartamento privati del Cardinal Legato, Governatore della città, si presenta sotto forma di fortezza con mura, torrioni e merlatura. Dotato anche di ponte levatoio oggi scomparso, si possono notare murate sulla scarpata di base antiche misure cui gli artigiani e i commercianti dovevano attenersi: il piede bolognese, il braccio, la pertica, le dimensioni delle tegole (coppo) e del mattone.

Sopra il portone di ingresso ritroviamo la statua di Papa Gregorio XIII,  riformatore dell’antico calendario giuliano.

All’interno del palazzo si trovano tre cortili: quello di rappresentanza, quello d’armi e quello del carcere, reso famoso da Aldrovandi il quale diede vita all’antico orto botanico detto "dei semplici".

 Il grande scalone venne costruito in maniera che le carrozze a cavalli potessero salire agevolmente verso gli appartamenti posti al piano  superiore dove vi sono maestose sale tra cui vanno ricordate  Sala Farnese (da cui si accede al Museo Morandi) con la Cappella Farnese,  Sala d’Ercole,  Sala del Consiglio Comunale e  gli appartamenti privati del Cardinal Legato che oggi ospitano le  Collezioni Comunali d’Arte.

Il  Palazzo dei Notai, potente nel periodo medievale, non fu la principale sede di questi in quanto all’inizio avevano spazio lavorativo sotto il portico del Podestà, un tempo teatro di mercato giornaliero.

Nel 1700 questo edificio era denominato ‘La Salara’ perché accoglieva il sale usato per la conservazione delle carni. Da notare lo stemma posto sulla facciata del palazzo recante tre calamai con penne d’oca su fondo rosso, simbolo della Corporazione dei Notai.

Il Palazzo dei Banchi  venne costruito agli inizi del 1400 e prende il nome dalle botteghe dei banchieri e di coloro che scambiavano le monete. La sua facciata venne modificata e resa più elegante intorno alla metà del '400 quando il Vignola venne chiamato per dare un tocco più nobile a quello che in realtà era un semplice palazzo ma che ‘stonava’ con le altre strutture architettoniche della piazza, ben più fastose ed imponenti.

 Il prolungamento del portico di Palazzo dei Banchi è il portico dell'Archiginnasio, sede medievale dell'Università di Bologna, ora  biblioteca italiana tra le più annoverate a livello non solo nazionale ma europeo. Detto  "il Pavaglione"  fu per secoli la sede dei commerci dei bachi da seta.

 Infine la grande e nobile Basilica di San Petronio, la cui costruzione iniziò nel 1300.

Per la sua realizzazione vennero demoliti vari edifici poiché questa doveva poi risultare la chiesa più grande della cristianità. Ma l’idea arrivò alle orecchie del papa il quale non poteva certo permettere che ci fosse in qualche angolo della terra una chiesa più grande della Basilica di San Pietro in Roma.

La facciata risulta oggi ancora  incompleta mentre l’interno è in stile gotico a tre navate dove si può notare, sul pavimento, una meridiana del 1655 mentre molti affreschi e opere sono ammirabili e note quali il ‘San Rocco’ del Parmigianino (ricordiamo una sua opera nella Chiesa di Santa Maria in Bardi).

 

'Per finir poi di parlarvi di Bologna, dirò che vi si viveva allora e vi si vive sempre allegramente, lautamente, di buone amicizie, e di festive brigate (...)  

 

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'

Genova

Genova - Camperarcobaleno

Genova. la mia città Ti accoglie

Areasostaitalia

Areasostaitalia - Camperarcobaleno

Scoprire l'Italia in camper e caravan

Cosa fare a Genova

Cosa fare a Genova - Camperarcobaleno

ll tempo libero a Genova

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie - Camperarcobaleno

Area Sosta Riserva naturale speciale del Parco Burcina-Felice Piacenza

Area Sosta a due passi dall'Adriatico

Area Sosta a due passi dall'Adriatico - Camperarcobaleno

Area Sosta Le Robinie, Igea Marina, Rimini

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda - Camperarcobaleno

Area Sosta Monzambano, Mantova

Area Sosta nella Conca di Oropa

Area Sosta nella Conca di Oropa - Camperarcobaleno

Area Sosta Santuario di Oropa, Biella

Taccuinodiviaggio.it

Taccuinodiviaggio.it - Camperarcobaleno

Siti di Donne nella rete