Home » ardesia,mare,olio,basilico » Golfo del Tigullio

Golfo del Tigullio

Portofino Mare

 Da San Fruttuoso a Sestri Levante (e sù, sul Monte Allegro, a Rapallo, con la funivia tra olivi e Santuario)

 

 

E’ il promontorio di Portofino che divide il Golfo di Genova e il Golfo Paradiso dal Golfo del Tigullio, luogo caratterizzato da panorami marini unici, nature incontaminate e selvagge, angoli rimasti intatti in un tempo caratterizzato da eleganza e fascino.
Ciuffi di asfodeli, ginestre e corbezzoli ingentiliscono i dirompenti dirupi dei fianchi del Monte di Portofino, spalancando le porte verso Punta Chiappa, Cala dell’Oro sino alla Baia di San Fruttuoso dove l’antica Abbazia accoglie in sé le tombe dei Doria, il Cristo degli Abissi e le sue grandi storie marinare fatte di sale e di scogli.
Dalla terraferma la prima località che si incontra è Portofino, con la sua rinomatissima piazzetta antistante il porto, luogo di incontro di personaggi celebri e di celeberrime vetrine di negozi.
Immersi nel Parco Regionale che vanta un continuo e armonico alternarsi di ecosistemi naturali , si raggiunge, tra ville immerse e nascoste nella tipica macchia mediterranea, il piccolo borgo di Paraggi.
Acque del mare di un turchino luminoso macchiato da cupe ombre dei dirupi qui sprofondano dal monte delimitando in modo quasi netto l’aspetto verde magnificente della natura e il blu esaltante di un mare così puro e limpido.
Passati da  Punta Pedale, si arriva ,in breve, a Santa Margherita Ligure , cittadina elegante  posta in una delle più belle insenature di questo golfo.
Una piacevolissima strada costiera pone in comunicazione Santa Margherita a Rapallo, importante meta turistica non solo estiva ma invernale grazie al suo clima particolarmente mite anche nei periodi usualmente più rigidi. Di indubbio valore turistico, Rapallo ha sofferto negli anni di una cementificazione brutale che ha sfigurato la sua antica fisionomia di antico borgo marinaro. Oggi questo sentimento rivive nel suo Castello, ritornato a splendere dopo anni di oblio grazie a manifestazioni culturali e sociali di alto valore, posto direttamente sul mare e sulla elegenate passeggiata a mare della cittadina.

Procedendo verso est, sulla carrozzabile Aurelia, si incontra Zoagli , terra di velluti e di damaschi. Il piccolissimo e romantico borgo merita una visita alla scoperta della sua piazzetta sul cui suolo è disegnata una grande scacchiera e, ancora più bella, la sua passeggiata a due metri sul mare,impreziosita dalla Torre Saracena del 1500.

Riprendiamo l'Aurelia per scoprire la cittadina di Chiavari, imponente centro urbano tra i più ricchi di questo angolo di mondo, luogo di cultura, storia e bellezza ineguagliabile. Il suo porto e la sua passeggiata a mare raccolgono piccole spiagge mentre i turisti passeggiano nella clasica atmosfera genovese nel suo rinomato 'caruggio' tra boutiques, focaccia e antichi splendori fatti di pietra d'ardesia.

La nostra strada raggiunge e finisce con Sestri Levante, la cittadina dove ogni anno il Premio Letterario ‘Hans Christian Andersen’ ha luogo e dove il mare si incontra in due baie dall’atmosfera fiabesca e romantica, quella detta 'delle Favole' e quella 'del Silenzio'.

 Per chi volesse approfondire la conoscenza con il Golfo del Tigullio, tra natura ,storia e religiosità, non può che farsi condurre da una bellissima funivia, dal centro di Rapallo sino al Santuario di Montallegro. Posta tra la ferrovia e i capolinea degli autobus, la funivia collega la collina con il mare e grazie ad essa, lo spettacolo sul golfo e sul mare diventa incomparabile. Unica funivia ligure 'sali e scendi', a mano a mano che si sale, si può ammirare in tutta la sua bellezza la conformazione vegetale e boschiva del primo entroterra ligure, con le sue villette immerse nel verde aregenteo degli olivi e alcuni piccoli borghi in lontananza capitanati dai lunghi campanili. La costa ligure si fa subito notare, con le sue grandi e tipiche insenature marine e se il cielo è terso e la giornata adatta, non si fa certo fatica a scorgere la timida Portofino e il suo rinomato Monte. La funivia collega il borgo di Rapallo al Santuario di Montallegro.

Il Santuario, uno principali santuari mariani liguri, venne edificato dalla popolazione rapallese negli anni della metà del 1500 dopo che a Giovanni Chichizola apparve la figura della Madonna. 

A questo si può arrivare anche a piedi mediante sentieri segnati e ben puliti. Ma se ciascuno di noi sceglie il metodo più congegnale per arrivare sino a qui, per tutti  la grande ed imponente scalinata per giungere al sagrato della Chiesa, è obbligatorio. Ed è qui che davvero si arriva ad ammirare la bellezza naturale di questo luogo e di ciò che c'è intorno, una scenografia che ha pochi eguali nel mondo.
Il grande Santuario  presenta al suo esterno una grande facciata in marmo a due ordini mentre l'interno è in stile barocco con un grande affresco che riveste il catino absidale e raffigura l'apparizione di Maria al contadino rapallese. 
 Entrando si rimane  stupiti dalla ricchezza e dalla grandiosità delle navate e stupiti per quanti 'ex voto' ricoprono le pareti. Non basterebbe una giornata a leggerne tutti e la luce interna è un po' flebile (almeno per i miei occhi non tanto più acuti). Possiamo quindi affermare che la cittadina di Rapallo dedica ai suoi ospiti scorci marini e accoglienza turistica di alto livello ma sarebbe riduttivo definirla 'cittadina di mare' quando il suo immediato entroterra svela una potenza naturale (e spirituale) tutta da scoprire, a soli dieci minuti di funivia dal centro cittadino.

 

 

 

Sestri Levante:

 -Via Dante Sedini. solo illuminazione notturna e solo posteggio per max 36 ore.

 GPS:

44° 16' 16.1724" N
 9° 24' 31.3632" E
 
-Area Sosta  Levante Camper
 
25 piazzole con ogni comfort, aperta nella primavera del 2017
 

Via Liguria 39, 16039, Sestri Levante (Ge)

 

Telefono: 348-1592567; 340-3232551; 348-1592568

Si CaNperisti
 
GPS:
N 44° 16' 42.528"
 E  9° 24' 7.524"

 

 

 

 

(agg. Maggio 2017)

 

 

 

 

Golfo del Tigullio - Camperarcobaleno

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'

Genova

Genova - Camperarcobaleno

Genova. la mia città Ti accoglie

Areasostaitalia

Areasostaitalia - Camperarcobaleno

Scoprire l'Italia in camper e caravan

Cosa fare a Genova

Cosa fare a Genova - Camperarcobaleno

ll tempo libero a Genova

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie - Camperarcobaleno

Area Sosta Riserva naturale speciale del Parco Burcina-Felice Piacenza

Area Sosta a due passi dall'Adriatico

Area Sosta a due passi dall'Adriatico - Camperarcobaleno

Area Sosta Le Robinie, Igea Marina, Rimini

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda - Camperarcobaleno

Area Sosta Monzambano, Mantova

Area Sosta nella Conca di Oropa

Area Sosta nella Conca di Oropa - Camperarcobaleno

Area Sosta Santuario di Oropa, Biella

Taccuinodiviaggio.it

Taccuinodiviaggio.it - Camperarcobaleno

Siti di Donne nella rete