Home » ...luoghi del cuore » Gioconda e Otranto

Gioconda e Otranto

Gioconda e Otranto - Camperarcobaleno
Nulla di più bello sotto il sole

Io ad Otranto ci sono nata e mi sento profondamente di questa città, per i suoni, per l'odore ,per i ricordi,per i colori. Otranto è una miscela esplosiva di immagini e di storia, fondata dai greci, popolata dai bizantini, arricchita dai normanni, diventa il ponte per andare verso est, verso quelle terre con cui poter commerciare sete e preziosi. Veneti, dalmati, ebrei, passavano di qui e qui non potevano non fermarsi per ammirare tanta bellezza. Nemmeno i turchi con le loro barbarie riuscirono a deturparla, Otranto è nata bella e sempre lo sarà.  Non si può arrivare a Otranto senza sentirsi dentro un fuoco che divampa mentre si oltrepassa  porta Terra e si entra nel borgo più vecchio, racchiuso come perla da mura aragonesi. Le vie sono strette, lastricate, buone da camminare scalzi come facevo io quando ero bambina, case bianche che spiccano nel sole e in un blu del cielo che solo qui si trova così intenso e si viene avvolti in una miriade di piccole botteghe dal sapore orientale.Ma poi si deve andare oltre per trovarsi di fronte alla Cattedrale, di età romanica. Ciò che la rende unica e affascinante è il prezioso mosaico dell'Albero della Vita, uno spendore unico invidiatoci dal mondo intero. E se volete, percorrete la stada panoramica che vi porta su una terrazza da dove potrete capire la bellezza della vita: la città e i suoi bastioni avvolti dal mare, un mare unico. Questa è il mio luogo del cuore, questa è la mia città.

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'