Home » castelli e dimore » Fortezza di Girifalco-Cortona

Fortezza di Girifalco-Cortona

Fortezza di Girifalco-Cortona - Camperarcobaleno

Apertura al pubblico: si con barriere architettoniche presenti,a pagamento

Open- no handicap accessible-Ticket 

Da visitare: il centro,il Duomo,il Belvedere di Cetona,il Palazzone (apertura FAI)

 Info stradali e camper a fondo pagina

 

 

 

  

  

  

La sua origine etrusca ha visto tra le sue mura la presenza di guarnigioni Gote e Longobarde durante la grande discesa e invasione di queste popolazioni nordiche nel territorio italico.

La prima menzione scritta risale al 1258, quando Arezzo acquisisce la proprietà del maniero.

Ricostruita nel 1561 sotto la guida dell'architetto Serbelloni su incarico di Cosimo I de' Medici, è tutt’oggi uno splendido esempio di fortezza militare che appare incontrastato e a guardia della cittadina di Cortona grazie alla sua fortunata posizione collinare.

 Nonostante i vari rimaneggiamenti e modifiche strutturali imponenti da parte di varie casate e proprietà, è con Cosimo detto ‘Il Vecchio’ che questa possente costruzione vive i suoi migliori anni diventando così uno dei maggiori baluardi medicei della zona aretina, grazie soprattutto alle pesanti tassazioni dovute dalla popolazione locale che contribuiscono al suo ampliamento e bellezza.

Situato subito dopo il Santuario di Santa Margherita, oggi la Fortezza si presenta quale edificazione cinquecentesca con i suoi quattro bastioni i cui nomi sono stati dedicati rispettivamente a Santa Margherita, Santa Maria Nuova, Sant'Egidio e San Giusto.

Al suo interno la visita si snoda tra il magazzino delle polveri, il carcere, quattro posti di cannone, due cannoniere e tre fuciliere.

Nonostante questo imponente edificio sia ben conservato, si possono notare in esso e sui suoi muri, notevoli cicatrici di un passato fatto di rimaneggiamenti: finestre rese col tempo più o meno piccole, parti di mura più o meno originali insieme ai vari materiali usati che facilitano la focalizzazione temporale di questi lavori strutturali.

A mano a mano che il tempo passa da grande fortezza militare, Girifalco diviene luogo civile anche se permane sempre la presenza di modeste guarnigioni militari.

L'accesso avviene grazie ad  un imponente portone rivestito di ferro, protetto a sua volta da una chiusura a saracinesca ai cui lati si possono notare le due casematte. Al livello superiore si incontrano, ai lati cardinali, i quattro bastioni con il mastio, visitabile ma vuoto, e il cortile interno. Tramite il secondo piano di questo si può godere del  camminamento di guardia da cui tutta la Val di Chiana fino al Monte Amiata e al Monte Cetona oltre al  LagoTrasimeno esplodono nella loro assoluta bellezza. 

La Fortezza è visitabile da Aprile ad Ottobre

 

GPS: 43° 16' 36,69'' N - 4° 59' 38,44'' E

-Autostrada A1 uscita casello Valdichiana. Subito dopo l'uscita dal casello prendere la superstrada E45 (raccordo Siena-Perugia) in direzione Perugia e uscire alla seconda uscita per Cortona (Cortona San Lorenzo). SS71 in località Camucia  proseguire per Cortona.

-Sosta Camper :  Via C.Batisti

piccolo piazzale su asfalto senza nessun servizio ma vicino al centro.

 

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'

Genova

Genova - Camperarcobaleno

Genova. la mia città Ti accoglie

Areasostaitalia

Areasostaitalia - Camperarcobaleno

Scoprire l'Italia in camper e caravan

Cosa fare a Genova

Cosa fare a Genova - Camperarcobaleno

ll tempo libero a Genova

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie - Camperarcobaleno

Area Sosta Riserva naturale speciale del Parco Burcina-Felice Piacenza

Area Sosta a due passi dall'Adriatico

Area Sosta a due passi dall'Adriatico - Camperarcobaleno

Area Sosta Le Robinie, Igea Marina, Rimini

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda - Camperarcobaleno

Area Sosta Monzambano, Mantova

Area Sosta nella Conca di Oropa

Area Sosta nella Conca di Oropa - Camperarcobaleno

Area Sosta Santuario di Oropa, Biella

Taccuinodiviaggio.it

Taccuinodiviaggio.it - Camperarcobaleno

Siti di Donne nella rete