Bienno

Bienno - Camperarcobaleno

Tra mulini e opere d'Arte

 

 

L’antico paese di Bienno si trova nella media Valle Camonica, non lontano da Brescia. Il suo nome, di origine latina, era  ‘Buennum’ che significa Torrente delle Miniere, e di questo ora vi racconteremo.

Conformato urbanisticamente sul classico modello geometrico romano-castrum, presenta il caratteristico stampo medievale che ben si adegua alla struttura morfologica di questo paesino prealpino dal passato glorioso e antico.

La sua caratteristica principale è la presenza del torrente Grigna  le cui acque vengono  incanalate nel Vaso Ré che è un condotto artificiale. Questo è stato necessario per ottenere il continuo movimento di tutte le ruote idrauliche vive nel paese, dei mulini e dei magli che un tempo facevano di questo piccolo paese un luogo di continuo e pressante lavoro conosciuto anche al di là del confine. Per questo Bienno è conosciuto quale paese dei Magli ed è grazie a questa tradizione lavorativa che oggi Bienno è un luogo tutto da scoprire, anche in camper.

Grazie infatti a tutta una serie di iniziative da parte dell’amministrazione pubblica e privata, Bienno non è un paese che si spegne ma trae origine dal suo passato per affermarsi verso il futuro.

 Il borgo presenta antichi portali ancora molto ben conservati e restaurati, scorci di un passato nobile e allo stesso tempo artigianale, alcune torri provenienti dall’antico centro medievale e soprattutto la presenza dell’ultima fucina, l'ultima delle quarantadue un tempo attive nel paese, che oggi racconta la sua storia.

Divenuto Museo Comunale nel 1980, dal 2008 è stato riconosciuto dalla Regione Lombardia quale Museo Etnografico. Qui ancora si lavora, si fanno secchi e utensili oggi senza dimenticare che in questo luogo sono stati forgiati nel tempo spade, parti di corazze, guanti ed elmi di audaci cavalieri medievali.

 In effetti la lavorazione del ferro in questo splendido angolo della Val Camonica risale all’epoca pre-romana ed è facilmente immaginabile la presenza di botteghe di fabbri all’opera con incudine e martello.

E’ invece del X secolo l’introduzione dei mulini per la realizzazione di farine da parte dei Monaci Benedettini e probabilmente anche i primi tentativi di convogliare la forza dell’acqua del Grigna in quello che diventerà poi il Vaso Rè.

Di questi mulini ce n’è ancora uno in funzione la cui particolarità è la da sempre gestione femminile.

Infatti il lavoro del mugnaio, o meglio della mugnaia, qui è stato stato portato avanti dalla parte più gentile della cittadinanza, in quanto agli uomini erano destinati lavori più pesanti quali quelli della siderurgia o dei campi.  Ancora aperto e ancora funzionante, il mulino che produce ottime farine porta in sé la bellezza  e la particolarità di strumenti e attrezzi ancora in legno originale mentre al piano superiore della struttura, la casa della mugnaia e della sua famiglia.

 L’iniziativa di riqualificazione e vita di questo paese è dato anche, o soprattutto, dall’attuazione di un‘idea nata oltralpe ma che ben si è adattata a questo centro.  Infatti ogni anno il Comune di Bienno emana un concorso destinato a tutti gli Artisti che vogliono andare ‘ad aprir bottega’ in questo luogo.  Il Comune dà loro la possibilità di vivere e di produrre le loro opere senza obbligo di affitto  e, inoltre, raccoglie opere che vengono poi esposte nelle vie di questo borgo, con l’augurio che diventi un giorno un Museo a Cielo Aperto.

Ne è testimone la piazza panoramica di Bienno che offre una vista sui monti ineguagliabile e splendida in ogni periodo dell’anno. Qui sono presenti affascinanti sculture composte con i fondi di secchi realizzati nella fucina e assemblati a mò di grandi palloni bianchi. Un tentativo di unione più che perfetto tra l’antico mestiere del forgiare questo metallo e l’idea artistica e futuristica di un mondo davvero ‘tutto tondo’ .

Non meno importante è l’accoglienza di Bienno, qui i camperisti possono godere di un’area camper semplice ma dotata di tutti i servizi, nel verde e a pochi passi dal centro.

(A.L Febbraio 2017)

 

 

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'

Genova

Genova - Camperarcobaleno

Genova. la mia città Ti accoglie

Areasostaitalia

Areasostaitalia - Camperarcobaleno

Scoprire l'Italia in camper e caravan

Cosa fare a Genova

Cosa fare a Genova - Camperarcobaleno

ll tempo libero a Genova

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie

Area Sosta tra Rododendri e Ortensie - Camperarcobaleno

Area Sosta Riserva naturale speciale del Parco Burcina-Felice Piacenza

Area Sosta a due passi dall'Adriatico

Area Sosta a due passi dall'Adriatico - Camperarcobaleno

Area Sosta Le Robinie, Igea Marina, Rimini

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda

Area Sosta tra i Colli Morenici del Garda - Camperarcobaleno

Area Sosta Monzambano, Mantova

Area Sosta nella Conca di Oropa

Area Sosta nella Conca di Oropa - Camperarcobaleno

Area Sosta Santuario di Oropa, Biella

Taccuinodiviaggio.it

Taccuinodiviaggio.it - Camperarcobaleno

Siti di Donne nella rete