Home » in giro...col Giro 2014 » 13° tappa: Fossano-Rivarolo Canavese

13° tappa: Fossano-Rivarolo Canavese

13° tappa: Fossano-Rivarolo Canavese - Camperarcobaleno

23 Maggio 2014: tredicesima Tappa del Giro d'Italia 2014

Fossano e il Castello dei Principi d'Acaja

 

 

Fossano fa parte delle cosiddette ‘sette sorelle’ ossia le sette città più importanti della provincia di Cuneo.

Insediamento di popolazione che utilizzava la  ceramica intorno all'800 a.C., la città viene fondata nel 1236 da una lega di città guelfe, che si costituì per combattere la città di Asti

La sua storia è indissolubilmente legata alla nobile e storica famiglia degli Acaja il cui castello, ne è simbolo.

 Il castello dei Principi d'Acaja venne costruito al centro dell'antico borgo per volere di Filippo I di Savoia-Acaia.

La sua costruzione venne effettuata in pochi anni nel 1300 grazie al lavoro di centinaia di operai.

Nel 1418, con l’estinzione del nome degli Acaja, la città ed il castello passarono sotto il dominio dei Savoia e Amedeo VIII lo trasformò in palazzo mantenendo sempre le caratteristiche di fortezza.

Col tempo il castello venne ampliato e rimodernato secondo gli usi e le necessità tanto che nacquero alloggi quali la sala del trono e una cappella, cantine e cortile,cucine, forni e servizi igienici.

In questo castello, nel novembre del  1562  Emanuele Filiberto, in presenza del cardinale di Lorena, del vescovo d'Orléans, dei signori di Allye e di Birague, firmò il Trattato di Fossano, che chiuse le ostilità con i francesi.

Trasformato in carcere,divenne quartiere militare con  stalle, magazzini del grano e nuove stanze  per ospitare le truppe e il fossato che da sempre abbracciava il perimetro del castello divenne piazza d’armi.

Con la Seconda Guerra Mondiale fu anche rifugio per sfollati e oggi è adibito a biblioteca civica

 

Su Pinterest

Su Pinterest - Camperarcobaleno

Ho ideato una pagina in cui Ti racconto dei miei viaggi, delle immagini e degli aneddoti sulla mia avventura insieme a Lyla e a Camperarcobaleno. Di ogni pagina troverai molte altre fotografie relative agli articoli scritti nel sito. Ti aspetto. Alberta con Lyla

Chi abbandona un cane non è un camperista

Chi abbandona un cane non è un camperista - Camperarcobaleno

(Lyla, Pastore Abruzzese, 12 anni, Mascotte di Camperarcobaleno)

L'Agenda di CA su Facebook

L'Agenda di CA su Facebook - Camperarcobaleno

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. J. Saramago 'Viaggio in Portogallo'